ANOMALIA
Rappresenta lo scostamento del parametro in esame rispetto ad un valor medio calcolato per un periodo di riferimento. Anomalie positive si riferiscono a valori superiori alla media mentre anomalie negative a valori inferiori alla media.
DIAGRAMMA
CLIMATICO
I diagrammi climatici descrivono le caratteristiche climatiche di una località attraverso l'andamento termico (medie mensili delle temperature massime, medie e minime) e il regime pluviometrico (precipitazioni medie mensili). I dati sono riportati sui diagrammi di Bagnouls e Gaussen, dove la curva delle precipitazioni ha scala doppia rispetto a quella delle temperature (2mm=1°C)
DISTRIBUZIONE
CAMPIONARIA
In statistica si considera la distribuzione di tutti i possibili risultati ottenuti.
DISTRIBUZIONE
GAUSSIANA
In teoria della probabilità la distribuzione normale, o di Gauss (o gaussiana), è una distribuzione di probabilità continua che è usata come prima approssimazione per descrivere variabili casuali a valori reali che tendono a concentrarsi attorno a un singolo valor medio
KRIGING
INTERPOLATION
Tecnica alla base della metodologia statistica utilizzata per la creazione di mappe ottenute dall’interpolazione di dati di precipitazione
INDICI CLIMATICI
Si tratta degli indici climatici di riferimento in letteratura per la descrizione dei parametri di temperatura e precipitazione (vedi Legenda)
INDICE DI
QUALITA’ DEL DATO
Indica lo stato di qualità del dato osservato e si suddivide in:
  • Buono: dato affidabile
  • Editato: dato ricostruito per ovviare alla mancanza dell'originale
  • Altra serie: per ottenere serie storiche climatiche più lunghe, sono stati opportunamente aggiunti alla originale i dati provenienti da una stazione meteorologica limitrofa. I dati di questa seconda stazione sono individuati con questo codice di qualità.
  • Altra serie: per ottenere serie storiche climatiche più lunghe, sono stati opportunamente aggiunti alla originale i dati provenienti da una stazione meteorologica limitrofa. I dati di questa seconda stazione sono individuati con questo codice di qualità.
  • Assente: dato mancante
OPTIMAL
INTERPOLATION
Tecnica alla base della metodologia statistica utilizzata per la creazione di mappe ottenute dall’interpolazione di dati di temperatura
STAGIONE
Per convenzione nelle analisi statistiche si considerano le stagioni suddivise in trimestri: dicembre, gennaio e febbraio (inverno); marzo, aprile e maggio (primavera); giugno, luglio e agosto (estate); settembre, ottobre e novembre (autunno)
TREND
Lo studio della variabilità del clima viene svolto analizzando l'andamento (trend) dei principali parametri e indici climatici, legati perlopiù a temperature e precipitazioni, per evidenziare eventuali segnali di trend positivo o negativo significativi dal punto di vista statistico e quindi indicativi o meno di cambiamenti in atto. Nelle elaborazioni i trend sono ritenuti significativi se il p-value<0,05 (significatività del 95%).
VALORI ESTREMI
Si tratta dei valori assoluti dei parametri in esame osservati nel periodo in esame e calcolati su base mensile, stagionale o annua.
W.M.O.
Organizzazione meteorologica mondiale (in inglese World Meteorological Organization - WMO)